Sono una donna, ho smetto

Sfide per le donne a smettere di fumare

Le donne possono dover affrontare varie sfide quando smettono di fumare. Se imparano cosa rende speciale per alcune donne lo smettere di fumare, potranno prepararsi ad avere un successo nell’abbandonare il fumo.

Importanti studi hanno dimostrato che le donne fanno meno tentativi di smettere e falliscono più spesso degli uomini. I medici chiedono più spesso agli uomini il loro comportamento col fumo e consigliano loro più spesso che alle donne di smettere di fumare. Alle donne è meno probabile che vengano prescritti farmaci contenenti nicotina, e questi sembrano essere meno efficaci nel ridurre i sintomi dell’astinenza nelle donne rispetto agli uomini.

È importante prestare attenzione anche ad altri fattori associati allo stile di vita (obesità, dieta sbilanciata, consumo abusivo di alcolici, tipo di attività sessuale) quando si smette di fumare.

Donne e fumo

fatti e numeri

Nel 2017 in Svizzera il 23.3% delle donne erano fumatrici, il 16.8% fumavano ogni giorno. In confronto, gli uomini erano, complessivamente, fumatori per un 31%, mentre il 21.5% fumava ogni giorno. La percentuale più elevata di fumatrici fra le donne era rappresentata dalle 25-34enni (30%)

Molti dei fattori che inducono ad iniziare di fumare sono gli stessi per entrambi i sessi. Sembra però che vulnerabilità emotiva, bassa autostima e stato d’animo depresso predispongano in modo più specifico le donne a iniziare presto a consumare tabacco. Quanto al comportamento, le donne sembrano più sensibili a certi condizionamenti. La dipendenza dalla nicotina sembra sia influenzata dalla reazione a costrizioni e a esperienze di vita negative, dal controllo di umore e ansia, dai piaceri sociali con la ricerca di comunicazione, o da potenziamento sensoriale (visivo o olfattivo). Spesso il fatto che le donne svolgano molte attività in ambito socioprofessionale le espone a numerosi fattori di stress che, più spesso degli uomini, cercano di controllare con il tabacco, e questo tanto più quando la loro posizione socio-economica e il loro livello di istruzione sono bassi. In Svizzera è quest’ultimo indicatore il fattore predittivo sempre più importante per l’inizio e la continuazione del consumo di tabacco tra le donne. In questo modo la sigaretta è spesso vista come una strategia per controllare lo stress, il peso e le emozioni.

Il fumo è pericoloso per chiunque, a qualsiasi età, e può portare a malattie evitabili e persino alla morte. Per le donne però il fumo comporta anche altri rischi aggiuntivi. Spesso le donne fumano in modo diverso dagli uomini. Ad esempio, le donne generalmente fumano più spesso sigarette a basso contenuto di nicotina e non aspirano così profondamente come gli uomini.

Danni alla salute

Per le malattie circolatorie, le fumatrici corrono un rischio da due a quattro volte superiore a quello delle non fumatrici, e esiste un rapporto dosaggio-effetto. Per quanto controverso, potrebbe anche darsi che il consumo del tabacco sia associato a un rischio più elevato nelle donne che negli uomini.

Rispetto alle non fumatrici, le fumatrici (a seconda dell’età) corrono un rischio relativamente più elevato di ictus ischemico e infarto cardiaco. Le fumatrici sono inoltre probabilmente più esposte al rischio di emorragie cerebrali.

Qui si trovano più informazioni sul maggiore rischio di malattie circolatorie: https://www.stopsmoking.ch/de/blog/rauchen-und-kardiovaskulaere-risiken/#category203

Cancro

Il fumo di sigarette può causare il cancro al collo dell’utero, un tumore che colpisce solo le donne. E quasi tutti i tumori ai polmoni, che sono la prima causa di morte sia per gli uomini che per le donne, sono causati dal fumo di sigarette.

Tra le donne, si riscontra una percentuale più elevata di adenocarcinomi, un tipo di cancro associato alle sigarette con filtro e a basso contenuto di catrame (sigarette light). Questa forma di cancro e la sua localizzazione sono dovuti in parte ad una più profonda aspirazione, al filtro e all’aumento delle nitrosamine nel tabacco.

Per il cancro al seno è possibile che esista una relazione di dipendenza causale con il  tabacco. Inoltre, le fumatrici hanno un tasso di mortalità più elevato rispetto alle non fumatrici, il che non è dovuto solo al cancro al seno di per sé, ma anche ad altre malattie legate al tabacco. Le fumatrici hanno una probabilità doppia di sviluppare metastasi polmonari e di incorrere in maggiori complicazioni dopo una ricostruzione del seno.

Inoltre, un’ampia metanalisi ha scoperto che il fumo aumenta il rischio di cancro alle ovaie.

Malattie polmonari

Sembra che le donne sviluppino un quadro clinico della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) diverso da quello degli uomini. Alcune ricerche indicano una peggiore qualità della vita, una maggiore mancanza di respiro e risultati peggiori nella distanza percorsa a piedi. Inoltre, le fumatrici perdono più rapidamente la funzionalità polmonare se hanno un’ostruzione grave.

Osteoporosi

A causa dei suoi effetti anti-estrogeni e della sua tendenza ad abbassare l’indice di massa corporea (IMC), il consumo di tabacco nelle donne è un noto fattore di rischio per l’osteoporosi. Il consumo di tabacco ha però anche altri effetti, tra cui l’accelerazione della perdita ossea e la diminuzione dell’assorbimento intestinale del calcio, che contribuiscono al rischio di fratture, in particolare quelle dell’anca.

Malattie dermatologiche

Lo sapeva che molte delle sostanze che lei consuma fumando fanno invecchiare prematuramente la sua pelle, influiscono negativamente sulla crescita e sulla qualità dei suoi capelli e la predispongono a malattie di pelle, gengive e denti?

La pelle è uno degli organi più estesi del nostro corpo e il fumo influisce negativamente sul rinnovo delle cellule dell’epidermide. Diversi studi dimostrano che le fumatrici presentano un maggiore invecchiamento della pelle rispetto alle non fumatrici e ai fumatori.

Il consumo di tabacco aumenta l’incidenza e la gravità clinica della psoriasi. Nelle donne esiste un rischio maggiore di sviluppare una forma grave di psoriasi, cosa che non è ancora stata rilevata negli uomini.

Il consumo di tabacco influenza negativamente la guarigione delle ferite e favorisce complicazioni postoperatorie.

Rischio di infezioni

Tutti coloro che fumano corrono un rischio maggiore di contrarre infezioni rispetto ai non fumatori. Soprattutto le infezioni alle vie respiratorie, come il Coronavirus, sono più frequenti in chi fuma.

Qui trova altre informazioni sul rischio più elevato di Coronavirus: https://www.stopsmoking.ch/de/blog/corona-ist-noch-nicht-vorbei/

Va inoltre sottolineato che il consumo di tabacco è un fattore sfavorevole che contribuisce allo sviluppo della maggior parte delle malattie autoimmuni (lupus discoide, malattia di Crohn, poliartrite reumatoide), che sono anche più frequenti nelle donne.

Fertilità e gravidanza

Nelle donne, il fumo di sigaretta può causare danni riproduttivi, riduzione della fertilità e difficoltà di concepimento. Le ricerche dimostrano che il fumo influisce sulla produzione di ormoni, e quindi può rendere difficile una gravidanza. Inoltre, è stato dimostrato che alcune sostanze chimiche contenute nelle sigarette possono danneggiare il sistema riproduttivo e ridurre la fertilità.

Se una donna è in grado di rimanere incinta ma fuma durante la gravidanza, possono verificarsi complicazioni – come una gravidanza extrauterina – a causa delle sostanze chimiche contenute nel fumo di sigaretta. Questa grave condizione porta quasi sempre alla morte del feto e in alcuni casi anche della madre. Inoltre, vi sono alcune prove che il fumo durante la gravidanza possa portare all’aborto spontaneo.

Schwangere Frau

Menopausa

Ricercatori hanno scoperto che le donne che fumano hanno più probabilità di entrare in menopausa circa un anno prima rispetto alle non fumatrici. Questo è importante perché l’età della menopausa può aumentare il rischio di malattie ossee, malattie cardiache e cancro al seno.

Fattori che stimolano il fumo

Emozioni negative e i ricordi del fumo sono potenti fattori scatenanti per molti fumatori. Alcune donne sono molto sensibili a questo tipo di fattori scatenanti. Questo significa che sentirsi stressati o tristi può rendere più difficile smettere di fumare. Anche vedere una sigaretta o annusarne l’odore può risvegliare il desiderio di fumare. Uno stato di depressione è un altro fattore di ricaduta.

Impari come aggirare questi periodi difficili senza sigarette – questo può aiutarla ad evitare le ricadute e a rimanere libera dal fumo.

Ecco come può contribuire a superare le difficoltà della disassuefazione dal fumo. Si suggerisce di anticipare le situazioni ad alto contenuto emotivo attraverso una Terapia Cognitivo-Comportamentale, mentre gli stati ansiosi-depressivi, devono essere riconosciuti e trattati regolarmente.

Sintomi da astinenza

Tra i fattori che possono rendere più difficile per le donne smettere di fumare vi sono una maggiore sensibilità ai sintomi dell’astinenza, maggiori preoccupazioni per l’aumento di peso e fluttuazioni ormonali durante il ciclo mestruale.

Rispetto agli uomini, le donne presentano anche un maggior numero di disturbi depressivi e d’ansia, stress, affetti negativi e sintomi depressivi. Hanno maggiori aspettative sugli effetti regolatori dell’umore della nicotina e una minore fiducia nella possibilità di smettere di fumare quando si provano sensazioni negative. Le donne soffrono anche di un grado di stress più elevato dopo aver smesso di fumare.

Schwangere Frau

Peso

Se lei è preoccupata di ingrassare dopo aver smesso, non è la sola. Molte fumatrici hanno questa preoccupazione. Pensi a tutte le cose possono essere vantaggiose per lei, se smette di fumare: ad esempio migliorare il suo aspetto e il suo benessere. Rendersi libera dal fumo può darle la fiducia necessaria per raggiungere altri obiettivi di salute. Non lasci che la preoccupazione per il suo peso le impedisca di smettere di fumare. Faccia dello smettere di fumare la sua priorità.

L’aumento di peso medio è di 2-5 kg, e le contromisure consigliate sono una dieta equilibrata con molta frutta e verdura e una regolare attività fisica. Non si raccomanda una dieta rigida perché aumenta il rischio di ricadute.

Terapia cognitivo-comportamentale (TCC)

Diverse ricerche hanno documentato tassi di ricaduta più elevati tra le donne che tra gli uomini, soprattutto dopo sei mesi di astinenza.

Il sostegno con tecniche cognitivo-comportamentali, il supporto farmacologico adattato al grado di dipendenza dalla nicotina (sostituti della nicotina e/o bupropione) e il supporto psicologico sono efficaci nelle fumatrici quando smettono di fumare.

Viene spesso citata una maggiore paura degli inconvenienti legati alla rinuncia al tabacco, come l’aumento di peso e la comparsa di stati d’animo depressivi. Una terapia cognitiva comportamentale può quindi aiutarla ad accettare un moderato aumento di peso, il che favorirà il successo della disintossicazione.

Il supporto per smettere di fumare è disponibile presso la linea stop tobacco.

Strategie per gestire la disassuefazione

Sport
Lei può concentrarsi sullo smettere di fumare e dedicarsi ugualmente ad altre cose sane. L’esercizio fisico è un ottimo modo per distrarsi dagli attacchi di fame e dai sintomi dell’astinenza.

Ricevere supporto

Si crei un ambiente in cui possa avere successo, circondandosi di persone solidali e che vogliano aiutarla a liberarsi dal fumo.

Le relazioni sono importanti per avere successo nello smettere di fumare, soprattutto per le donne. Le persone care e i partner possono aiutarla a superare le sfide e a festeggiare le tappe raggiunte. Ma avere a che fare con persone che non offrono il loro sostegno può portare a scivoloni o ricadute. Pianificare in anticipo la aiuterà a gestire le situazioni con le persone della sua vita mentre sta cercando di smettere.

Trovi persone che sostengono la sua decisione di smettere e chieda loro aiuto.

Prenda (temporaneamente) una certa distanza dalle persone che non sostengono la sua decisione.

Faccia squadra con qualcuno vicino a lei che fuma e smettete di fumare insieme. Avrà un sistema di supporto integrato – e qualcuno che capisce le sfide di diventare non fumatrice.

Si prenda una pausa di “Tempo per me”
Naturalmente non è necessario essere un fumatore per avere diritto a una pausa o a un po’ di tempo per se stessi. Molte donne trovano nella sigaretta un motivo per esercitare questo diritto. Molto spesso, dopo aver smesso di fumare durante la gravidanza, il periodo in condizioni di isolamento è una delle ragioni per cui molte donne ricominciano a fumare. È molto importante che, dopo aver smesso di fumare, si rispettino le pause già previste, semplicemente senza sigarette.

Terapie sostitutive della nicotina (TSN)
Se si teme di aumentare di peso, può essere utile l’uso di prodotti contenenti nicotina. Può ridurre l’aumento di peso iniziale, migliorando le probabilità di riuscire a smettere di fumare a lungo termine.

Se usati correttamente, le TSN sono metodi sicuri ed efficaci per smettere di fumare e possono raddoppiare le possibilità di successo.

Frau am boxen

Donne e pubblicità del tabacco

Le donne sono uno dei principali target del marketing delle aziende del tabacco. Sono il target più a lungo pubblicizzato dall’industria del tabacco (dal 1925). Oggi le donne sono pubblicizzate principalmente per via elettronica.

Le donne nella pubblicità sono sempre un po’ più vecchie del target di riferimento, perché noi ci orientiamo verso le persone più anziane, magari anche verso persone della stessa età, ma mai verso i più giovani.

La pubblicità, il prodotto e l’imballaggio sono studiati a fondo. Faccia attenzione alle pose dei modelli, all’ umore e ai colori.

Perché la pubblicità si rivolge alle donne?

Il motivo per promuovere il tabacco e la nicotina in particolare per le donne è semplice: fumano meno degli uomini. In Svizzera fumano circa il 20% delle donne e il 30% degli uomini. Dal punto di vista dell’industria del tabacco quindi, in questo senso, si potrebbe prevedere un aumento del 50% per le donne.

Lingua della pubblicità

Nella lingua della pubblicità le donne sono YAFS: Young Adult Female Smokers o YAF, se non fumano ancora.

Le influencer fanno pubblicità sui social media

Influencer donne e uomini fanno pubblicità per tabacco e prodotti della nicotina. Ecco qui solo alcuni esempi. Il numero delle influencer e degli influencer è quasi infinito.

Si tratta soprattutto di donne. Queste influencer sono pagate per mettere gli hashtag dell’industria del tabacco e usarli per fare pubblicità, come dimostra l’esempio della modella svizzera Tamy Glauser:

Instagram Tamy Glauser
Quelle: screenshot @tamynation Instagram account

Come Philip Morris International (PMI) stanno procedendo anche le altre tre grandi aziende internazionali del tabacco: Japanese Tobacco International JTI, British American Tobacco BAT, ed anche Imperial Brands. JTI ha ambasciatori per questo. Altri operano in maniera più segreta e non appaiono direttamente come produttori (vedi Tamy Glauser). Molte influencer in un colpo d’occhio: Gallery – Where There’s Smoke (takeapart.org)

In tutto il mondo, 2.500 influencer (possibili doppi ingressi) sono o sono stati collegati con solo sette hashtag di queste aziende produttrici di tabacco. Ecco l’esempio della Japanese Tobacco International JTI con l’hashtag Forthehunters:

La sintesi completa di tutti e sette gli hashtag in:https://www.takeapart.org/wheretheressmoke/.

Ma anche negli account Instagram delle aziende produttrici di tabacco le donne sono al centro dell’attenzione. Di nuovo un esempio di IQOS, un prodotto di Philip Morris International PMI:

Takeapart

Quelle: https://www.takeapart.org/wheretheressmoke/

 

Nuovi prodotti - Prodotti Donna

Messaggi

Le donne nella pubblicità sono giovani, belle e snelle. Soprattutto è la loro snellezza ad essere pubblicizzata, creando così un rapporto ambiguo fra snellezza del corpo e snellezza della sigaretta. Le donne e le ragazze dovrebbero essere snelle come una sigaretta – grazie alla sigaretta. Questo è stato portato all’estremo con la sigaretta-Slim , un’esagerazione della sigaretta già ” snella ” e il puro opposto dei sigari grossi, che per molto tempo sono stati riservati agli uomini. La sigaretta Slim è disponibile in diverse versioni: Slim, Super-Slim, Ultra-Slim, Slim King (più sottile, e però più lunga), Slender e anche Long & Lean. Le pubblicità più vecchie si riferivano alle sigarette con lo slogan “keeps you slim” facendo intendere che le sigarette ti fanno dimagrire. Per contrasto, erano proiettate anche ombre più grosse, a simboleggiare ciò che sarebbe successo se una donna non avesse fumato.

Botschaften

Quelle: https://www.welt.de/politik/deutschland/video193014705/Tabak-und-E-Zigaretten-Drogenbeauftragte-will-schnell-Tabak-Plakatwerbung-verbieten.htm

Importante per le donne come target è anche il messaggio sulla salute. Mentre prima si pubblicizzavano le sigarette Slim, oggi l’attenzione si concentra di nuovo sui prodotti per riscaldare il tabacco o sulle sigarette elettroniche. E mentre in passato venivano veicolate immagini positive della madre premurosa, ma anche immagini di bambini piccoli che avevano incoraggiato la madre a fumare, oggi è centrale. il messaggio della minimizzazione del danno (harm reduction).

Nella pubblicità più recente, le donne appaiono esuberanti e sicure di sé, mentre in passato comparivano nel ruolo della madre. La prima pubblicità per donne che fumano apparve a New York nel 1925, quando l’industria del tabacco dipinse la sigaretta come una bandiera della parità dei diritti. Fino ad allora era assolutamente impensabile che le donne fumassero per strada e la marcia delle donne che fumavano era una provocazione. Da allora le sigarette sono state promosse nel segno della parità di genere e ancora oggi se ne trovano esempi:
Gleichberechtigung

Quelle: https://de.quora.com/Welche-Sitten-und-Gebr%C3%A4uche-der-Deutschen-sind-f%C3%BCr-Ausl%C3%A4nder-ungew%C3%B6hnlich, http://tobacco.stanford.edu/tobacco_main/images_body.php?token1=fm_img4324.php

Frauenzigaretten

Le sigarette sono prodotte altamente sofisticati. Per molti versi, sono state progettate pensando alle donne. I marchi indirizzati alle donne contengono meno tossine, vale a dire nicotina (composizione e forza). Questi includono anche le sigarette light- super e ultra-light. Il mentolo facilita il fumo, quindi anche le sigarette al mentolo sono state introdotte principalmente per le donne (aromi). C’erano anche prodotti del tabacco specifici per le donne, come la già citata sigaretta Slim (dimensioni e forma). Con le Virginia Slims, il nome dice tutto e il target è chiaro.

Gleichberechtigung

Quelle: http://tobacco.stanford.edu/tobacco_main/images.php?token2=fm_st036.php&token1=fm_img0908.php&theme_file=fm_mt013.php&theme_name=Women%27s%20Cigarettes&subtheme_name=You%27ve%20Come%20A%3CBR%3ELong%20Way,%20Baby

Esiste una grande varietà di marche di sigarette progettate per le donne: Mary Long (Svizzera, vedi la foto), Virginia Slims (vedi la foto); Eve, Misty, Capri, Max, Satin, More, Style, Glamour, Kiss, Vogue, Kim e altre. E ancora …
Anche la Marlboro fu inizialmente (1925) progettata come sigaretta da donna, prima di vedersi attribuire l’immagine del cowboy nel 1954. La svolta per diventare il marchio numero uno al mondo è iniziata però solo quando Philip Morris nel 1965 aggiunse ammoniaca alla sigaretta per aumentare l’assunzione di nicotina.

Gleichberechtigung

Quelle: https://www.smoke24.ch/mary-long-gelb-soft.html

Design

Il design è parte del prodotto. La sigaretta stessa è diventata un design. Un cilindro sottile con una parte inferiore corta beige e una parte superiore bianca più lunga è IL design della sigaretta. Chiunque riconosce una sigaretta come sigaretta. Questo design è stato inizialmente adottato per le sigarette elettroniche, anche se non era necessario. In questo modo il messaggio è chiaro: «Sono una sigaretta anch’io». A proposito, lo stesso vale anche per le sigarette di gomma da masticare e cioccolata. Il design della sigaretta in sé non è né femminile né maschile.

Il marketing di prodotto ben progettato comprende anche il design. Della sigaretta Slim si è già parlato. Poi c’è l’imballaggio. Soprattutto la scelta del colore dovrebbe piacere alle donne o agli uomini. Il rosso ha un effetto aggressivo ed è destinato a fumatrici e fumatori accaniti, il giallo ha un effetto più morbido ed è rivolto alle donne.

I colori, le forme del pacchetto così come i caratteri delle marche Glamm e Vogue non richiamano affatto a sigarette (se non fosse per le etichette di avvertimento), ma a profumi.

Anche i nuovi prodotti del tabacco sono progettati con precisione, sia come cialde, sia come sigarette elettroniche o come prodotti per riscaldare il tabacco. Particolarmente significativi sono i prodotti per riscaldare il tabacco IQOS della Philip Morris. Mentre qui, come per i prodotti normali, la parte del tabacco assomiglia a una sigaretta, la macchina per riscaldare è stata progettata in un design particolare, soprattutto per le donne: la forma, la lucentezza e il colore piacciono soprattutto al sesso femminile ed è quello che dovrebbero fare. Tuttavia, i colori sono abbinati ai mercati geografici: le donne giapponesi preferiscono colori diversi da quelli delle donne europee e svizzere.

Gleichberechtigung

Quelle: https://de.dhgate.com/product/iqos-holder-cap-new-iqos-electronic-cigarette/450164645.html

Contenuti forniti da

Kalender
CAPO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA PER FUMATORI DELL'USZ E MEMBRI DEL CONSIGLIO D'AMMINISTRAZIONE DEL FTG

Isabella Sudano, Prof Dr Med, PhD

Isabella Sudano ha sviluppato i contenuti su donne e fumo.

Kalender
Analista ed esperto nelle strategie di marketing dell'industria del tabacco

Martin Bienlein

Martin Bienlein ha sviluppato e fornito la sezione “Donne e pubblicità del tabacco”.