Covid-19 e tabagismo

Non si sa, ma: Il fumo aumenta la frequenza di contatto tra mani e bocca, il che rende più elevato il rischio di infezioni virali. Il fumo ha un effetto negativo sul sistema immunitario, rendendo i fumatori più esposti alle infezioni virali. Si ritiene che l’enzima di conversione dell’angiotensina II (ACE2, presente sulla superficie cellulare) funga da recettore per il Covid-19 e sia quindi una porta d’ingresso per il Covid-19 per entrare nel corpo umano. Dati recenti suggeriscono che questo recettore ACE2 sia più attivo nei fumatori, rendendoli più a rischio di infezione da Covid-19 rispetto ai non fumatori. Tuttavia, le interazioni tra l’uso del tabacco e l’espressione di ACE2 sembrano variare a seconda di diversi fattori.

È possibile perché: Il fumo aumenta il rischio di malattie polmonari, riduce la capacità polmonare e provoca l’infiammazione delle vie respiratorie, il che può accrescere il rischio di sviluppare una polmonite o gravi complicazioni nei pazienti affetti da Covid-19. Il fumo aumenta il rischio di malattie cardiovascolari e diabete, che sono anch’essi fattori aggravanti nei pazienti affetti da Covid-19. Secondo alcuni dati, i fumatori presenterebbero un rischio maggiore di sviluppare una grave forma di Covid-19. Tuttavia, questa associazione non si trova in tutti gli studi disponibili fino ad oggi. Altri fattori come età, sesso e salute generale giocano un ruolo importante nella prognosi di Covid-19.

Sì, sempre! Quando si smette di fumare, compaiono in breve tempo i benefici per la salute del cuore e dei polmoni. Smettere di fumare riduce il rischio di infezioni respiratorie e delle loro complicazioni. Altre ondate di epidemie di Covid-19 seguiranno certamente nei prossimi anni. Smettere di fumare nel frattempo aiuterebbe a prepararsi ad affrontarle con meno rischi. Smettere di fumare migliora la resistenza a molte altre epidemie virali e batteriche. In generale, si raccomanda vivamente di smettere di fumare per preservare la propria salute. Proteggere voi stessi dal Covid-19 e dalle sue possibili complicazioni, così come proteggere chi vi sta intorno dall’esposizione al fumo passivo potrebbe essere la motivazione di cui avete bisogno per decidere di smettere definitivamente.

Non si sa, però: Essere esposti al fumo passivo aumenta il rischio di infezioni, soprattutto nei bambini. Pertanto, si raccomanda di evitare sempre di esporre chi vi sta intorno al fumo passivo. Nel caso dell’epidemia di Covid-19, valgono le stesse raccomandazioni. Anche l’esposizione passiva alla nebulizzazione delle sigarette elettroniche probabilmente non è priva di rischi. Tuttavia, il vapore delle e-sigarette contiene molte meno sostanze tossiche rispetto al fumo di sigarette convenzionali.

Diminuire non fa certo male! Non vi è praticamente alcuna prova scientifica che la riduzione del consumo di sigarette sia sufficiente a migliorare la salute. Si consiglia l’arresto completo. Diminuire il numero di sigarette può portare ad aspirare più forte o più spesso la sigaretta per mantenere il consueto livello di nicotina nel sangue.
Tuttavia: La riduzione del consumo con l’aiuto di sostituti della nicotina può essere un passo avanti per facilitarne l’abbandono.

Non si sa: Finora nessuno studio ha esplorato un collegamento tra la nebulizzazione delle e-sigarette e Covid-19. Parimenti, il legame tra vaporizzazione e malattie polmonari non è al momento definito in modo univoco.
Ciononostante: Se non è possibile smettere di fumare con i metodi dimostratisi efficaci e ben tollerati, può essere consigliabile sostituire la sigaretta con la sigaretta elettronica.

Non si sa, ma: Il rischio di infezioni diminuisce dopo che si è smesso di consumare tabacco. Anche la funzionalità polmonare può migliorare e dopo che si è smesso si notano ben presto benefici cardiovascolari. Più precoce è stato l’arresto (e prima nella vita di una persona), maggiore è il recupero. Pertanto, il rischio di complicazioni da di Covid-19 può diminuire in rapporto al tempo trascorso da quando si è smesso di fumare.

Sì: Ci sono diversi modi per ricevere aiuto:

Io smetto da sola/o: Qui trova offerte di aiuto e consigli su come smettere di fumare da soli. https://www.stopsmoking.ch/it/smetto/smetto-da-solo/

Smetto con una/un professionista Qui trova offerte d’aiuto per smettere di fumare col sostegno di professionisti https://www.stopsmoking.ch/it/smetto/smetto-con-un-professionista/

Linea Stoptabacco0848 000 181 I consulenti della Linea Stoptabacco sono a sua disposizione. Saranno lieti di rispondere alle sue domande e di fornirle supporto. Potrà inoltre beneficiare di un’assistenza gratuita e personalizzata. La linea nazionale Stoptabacco è disponibile in 10 lingue. https://www.stopsmoking.ch/it/pagina-iniziale/linea-stop-tabacco/

Sì: I sostituti della nicotina sono disponibili in farmacia e non richiedono la prescrizione medica. Il suo medico o il suo farmacista può consigliarle il giusto dosaggio e la giusta forma. Altri farmaci per smettere di fumare (vareniclina, bupropione) richiedono la prescrizione di un medico. Il suo medico curante o uno specialista in dipendenze da tabacco può prescriverle questo tipo di trattamento. Se lei non può o non vuole spostarsi, i servizi di consegna a domicilio sono disponibili in molte farmacie.

Abbiamo sviluppato le informazioni di questa pagina sulla base di un FAQ “Covid-19 et tabagisme” sviluppato da Unisanté à Lausanne.